Logo di FIN Veneto

  HOME  >  TUFFI  >  Regolamento

Google

Federazione Italiana Nuoto

Iscriviti ai Corsi del Settore Istruzione Tecnica



Google+

Regolamento Tuffi

Regolamento Tecnico

(Estratto dalle schede tecniche della rivista "Spaziosport" - giugno 93)
TRAMPOLINI
T.7.1.1. I trampolini devono essere omologati da competenti Organi Federali e devono avere una lunghezza minima di m. 4,80 e una larghezza di m. 0,50.
T.7.1.2. I trampolini devono essere rivestiti per l'intera lunghezza di uno strato antisdrucciolevole, e sono soggetti all'approvazione degli Organi Federali.
T.7.1.3. I trampolini per i giochi olimpici, i campionati del mondo e le manifestazioni internazionali dovranno essere provvisti di fulcro mobile facilmente regolabile dal tuffatore.
T.7.1.4. La distanza tra la piattaforma di sostegno e l'intradosso del trampolino (della tavola) deve essere di m. 0,25 almeno misurata quando il fulcro a rullo (lungo m. 0,75) si trova a m. 0,25 dal bordo anteriore della piattaforma di sostegno. Per ogni m. 0,05 addizionali di distacco dal bordo anteriore la distanza sopra detta deve essere aumentata di m. 0,005.
T.7.1.5. La minima distanza consigliata tra bordo posteriore del trampolino e l'asse del fulcro a rullo è indicata dalla casa costruttrice del trampolino.
T.7.1.6. Le gare dal trampolino nei Giochi Olimpici, Campionati del Mondo e nella Coppa del Mondo FINA, saranno effettuati da m. 1 a m. 3.
T.7.1.7. I trampolini devono essere installati allo stesso livello quando il fulcro mobile è centrato.
T.7.1.8. I trampolini saranno collocati su uno o entrambi i lati delle piattaforme.
PIATTAFORME
T.7.2.1. Le piattaforme devono essere rigide.
T.7.2.2. Le dimensioni minime della piattaforma sono:
Piatt. da mt. 0,6 a mt. 1,0:
 largh. mt. 0,6 - lungh. mt. 5,0

Piatt. da mt. 2,6 a mt. 3,0:
 largh. mt. 1,5 - lungh. mt. 5,0
 
Piatt. da mt. 7,5:
 largh. mt. 1,5 - lungh. mt. 6,0

Piatt. da mt. 10,0:
 largh. mt. 2,0 - lungh. mt. 6,0

T.7.2.3. Lo spessore del bordo frontale della piattaforma dovrà essere al massimo di m. 0,20 e potrà essere verticale o inclinato con un angolo non maggiore di 10 gradi dalla verticale interna (linea a piombo).
T.7.2.4. La superficie ed il bordo, frontale della piattaforma dovrà essere ricoperto con materiale antisdrucciolevole ed è soggetto all'approvazione degli Organi Federali.
T.7.2.5. Il bordo frontale delle piattaforme da mt. 10,0 e 7,5 dovrà sporgere almeno mt. 1,5 rispetto al bordo della vasca. Per le piattaforme da mt. 2,6-3 e 5 è accettabile una sporgenza di almeno mt. 1,5 e per piattaforme da mt. 0,6 e mt. 10 la sporgenza accettabile è di mt. 0,75.
T.7.2.6. Nel caso di piattaforme direttamente sovrapposte, la piattaforma superiore deve sporgere da mt. 0,75 a mt. 1,50 oltre ogni altra piattaforma sottostante.
T.7.2.7. Il retro ed i lati di ciascuna piattaforma (eccetto quelle da m. 1) saranno circondati da ringhiere con uno spazio libero fra l'una e l'altra di almeno 1,80 m. L'altezza minima sarà di 1 m. e ci saranno almeno due barre trasversali poste al di fuori della piattaforma a cominciare da 0,8 m. dal bordo frontale della piattaforma.
T.7.2.8. Ogni piattaforma deve essere accessibile per mezzo di scale adeguate (non a pioli).
T.7.2.9. Le dimensioni "C" dalla verticale adiacente nella tabella allegata si applicano alle piattaforme la cui larghezza è come indicato in dettaglio nella regola.
T.7.2.10. È preferibile che una piattaforma non sia costruita direttamente sotto alcuna altra piattaforma.
T.7.2.11. Se la larghezza delle piattaforme viene aumentata, allora le dimensioni "C" dovranno essere aumentate di metà della larghezza addizionale.
*  Per le piscine costruite dopo il 1° gennaio 1987 le seguenti dimensioni minime in metri, così come descritte nei dettagli minimi nella tabella, devono essere rispettate per le installazioni per tuffi, utilizzando come punto di riferimento per le misure la linea al filo a piombo (o verticale), che è una linea verticale passante per il centro del bordo anteriore della piattaforma.
*  L'altezza dei trampolini e delle piattaforme al di sopra della superficie dell'acqua può variare di più m. 0,05 al massimo rispetto all'altezza prescritta.
*  Nella zona di massima profondità dell'acqua il fondo della vasca può alzarsi fino al 2% massimo. La profondità dell'acqua non dovrà essere inferiore a m. 1,80 in alcun punto.
*  Nelle vasche all'aperto, i trampolini e le piattaforme saranno possibilmente orientati a nord nell'emisfero settentrionale e a sud nell'emisfero meridionale.
*  L'illuminazione minima a livello di un metro al di sopra della superficie dell'acqua sarà di 5001ux.
T.7.2.12. Le fonti di illuminazione naturale ed artificiale dovranno essere realizzate con criteri opportuni per evitare l'abbagliamento.
*  Sono raccomandati dispositivi per agitare la superficie al di sotto delle attrezzature per tuffi per aiutare i tuffatori nella percezione visuale della superficie dell'acqua. La temperatura dell'acqua non sarà inferiore a 26 gradi centigradi.
*  Si raccomanda che le sedie predisposte per i Giudici si trovino possibilmente all'altezza di m. 1,50/2,00 al di sopra del livello dell'acqua.

Norme organizzative particolari per i Tuffi

ART. 2
CAMPO Dl GARA
1. Il campo di gara, omologato secondo le particolari norme in vigore, deve essere approntato in ogni sua parte a cura della Società "ospitante" o del Comitato organizzatore.
2. Per campo di gara si intende l'adeguata ed efficiente attrezzatura della vasca, dei trampolini e delle piattaforme, la sistemazione dei posti e delle tabelle numerate per i giudici, dell'impianto radiofonico, dell'impianto di illuminazione artificiale, delle tribunette per il Segretario di giuria e per i servizi stampa, radio e televisione.
3. Da mezz'ora prima dell'inizio delle gare fino a mezz'ora dopo la fine delle stesse, nel recinto riservato al loro svolgimento non sono ammessi che gli Ufficiali di gara di servizio e gli atleti di turno. Ogni altra persona potrà accedervi solamente se convocata dal Giudice Arbitro e sostarvi solamente negli intervalli fra gara e gara.
4. Fotografi, operatori cinematografici e telesquadre devono attenersi alle istruzioni che il Giudice Arbitro riterrà opportuno di dare per il loro servizio dentro e fuori del recinto riservato allo svolgimento delle gare.
5. A cura della Società "ospitante" o del Comitato organizzatore, il campo di gara deve essere messo a disposizione degli iscritti alle gare nelle ore precedenti l'inizio della manifestazione, per l'allenamento e comunque nella mezza giornata utile immediatamente precedente.
6. Nei 10 minuti prima dell'inizio delle gare l'impianto deve essere sgombro.
7. La constatazione della praticabilità o regolarità del campo di gara da parte del Giudice Arbitro deve essere fatta o richiesta dal Capitano o Rappresentante di Società, mezz'ora prima dell'inizio delle gare, salvo quanto diversamente disposto nei regolamenti particolari delle manifestazioni per determinati campi.
8. La constatazione può essere fatta a richiesta anche durante lo svolgimento delle gare (nell'intervallo) per fatti sopravvenuti.
9. La decisione del Giudice Arbitro è reclamabile mediante preannuncio da effettuare subito dopo la decisione.

Gestisci una società?
Devi iscrivere i tuoi atleti alle manifestazioni?

Accesso all'area di amministrazione Opzioni
Spiegazioni delle funzionalità del portale   Stampa la pagina corrente   Imposta testo normale   Imposta testo ad alta leggibilità

Rinnova il tesseramento tecnico online

Associazione Cronometristi Venezia

Oggi Treviso Logo

Assonuoto.com

Privacy - Cookie